Dal 6 luglio al 31 agosto al Museo Marca la mostra di Lucia Rotundo, la poesia e i particolari nel bianco che diventa sostanza in “Architetture Poetiche”

CATANZARO –  Un “minimalismo elegante che dialoga bene con gli spazi espositivi del Museo delle Arti di Catanzaro, con il bianco che diventa sostanza”. La critica Teodolinda Coltellaro, componente del compitato scientifico del MARCA diretto da Rocco Guglielmo, introduce in maniera diretta ed efficace l’opera di Lucia Rotundo che con Architetture Poetiche propone una significativa selezione di grandi opere (2015-2019) tra bassorilievi, altorilievi e installazioni. La mostra dell’artista catanzarese – curata da Vittoria Coen, critica e storica dell’arte, è promossa dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, dalla Fondazione Rocco Guglielmo ed è patrocinata dalla Camera di Commercio e dal Comune di Catanzaro – offre al potenziale fruitore la complessità poetica e concettuale del proprio lavoro creativo, attraverso un percorso plurisensoriale e una sostanziale riflessione sulla sua ricerca che si dispiega tra memoria, storia, mito e natura. Inaugurata sabato 6 luglio, alla presenza oltre che dell’artista e della critica Coltellaro, della curatrice Coen, del vice sindaco e assessore alla Cultura Ivan Cardamone e del presidente del Rotary Club di Catanzaro Vincenzo Mazzei, la mostra potrà essere visitata fino al 31 agosto. “Abbiamo dei contenitori culturali di grande bellezza che si prestano ad accogliere l’arte e la cultura favorendo l’occasione di dare anche agli artisti locali di varcare i confini regionali – afferma il vice sindaco Cardamone -. Il nostro obiettivo è crescere ulteriormente per far crescere Catanzaro attraverso l’arte”. Accanto all’artista Lucia Rotundo anche il club service guidato da Mazzei che “da sempre promuove l’arte e la cultura, basta ricordare l’impegno assunto nella ristrutturazione del Cavatore”. Ad illustrare “il mondo di Lucia che è ricco di poesia ma anche di attenzione ai particolari”, la curatrice della mostra. Per l’occasione è stato realizzato un catalogo bilingue (italiano/inglese) editato da Silvana Editoriale, Milano, per la Collana “Quaderni del Marca”, contenente i testi istituzionali del direttore del Marca e del presidente della provincia e il saggio critico della curatrice, apparato iconografico e nota bio-bibliografica dell’artista. “Il bianco è luce – afferma Vittoria Coen – elemento importantissimo nella poetica di Lucia Rotundo, sia essa naturale, sia artificiale, quella luce che dialoga con l’ambiente e che, attraverso l’opera, è in grado di modificarne la percezione, attraverso una diversa dimensione di profondità e di spazio. (…) Pittura tridimensionale, architettura poetica, scultura relazionale. Il lavoro di Lucia Rotundo è quadro, scultura, installazione. I “frammenti” si compongono e creano un linguaggio, una partitura, in grado di scrivere una lingua universale, comune al genere umano, intrisa di un sentimento originario mediterraneo (la Magna Grecia) e di una cultura contemporanea cosmopolita. In una parola: extratemporalità, attraverso il linguaggio della forma e della materia, che giocano con quello della luce. Passato e presente si uniscono idealmente, nel rinnovare l’aura della composizione artistica. Il frammento è parte del tutto e crea un unicum. Una visione cosmica dell’arte, questi i temi del lavoro di Lucia Rotundo. Il silenzio dei suoi lavori attraversa lo spazio della tela, dell’acciaio, delle foglie, del cotone, come a lasciare sospesa nel vuoto la contemplazione, la percezione sensoriale dell’esperienza artistica. Il suo è un viaggio che non termina mai, che pone domande e che si costruisce con paziente meticolosità, quella ossessione del fare indispensabile agli artisti”.

NOTA BIOGRAFICA
Lucia Rotundo ha compiuto studi artistici che ha completato all’Accademia di Belle Arti.
Si è specializzata in didattica museale presso il Dipartimento Educazione del museo MIC di Faenza.
Dagli anni novanta opera nel campo della ricerca e della sperimentazione visiva con il linguaggio della scultura e dell’installazione ambientale.
È docente di Scultura all’Accademia di Belle Arti di Perugia.
Collabora da anni con istituzioni pubbliche e private: gallerie, musei e fondazioni.
È invitata a rassegne nazionali ed internazionali, ha esposto in mostre personali, collettive e di gruppo.
Sue opere sono presenti in musei, collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero.
Tra le mostre più recenti segnaliamo: Libro d’artista di piccolo formato (a cura di Loredana Rea), Mac Guarcino (Museo d’Arte Contemporanea del piccolo formato), Guarcino (FR); Vedere parole, II edizione mostra del Libro d’Artista (a cura di O. Gazzola, T. De Palma), Museo Diocesano del Codex, Corigliano – Rossano (CS); Lucia Rotundo/Sacre simbologie. “Sacralia, dal mito ellenistico alla cristianità. Percorsi di Archeologia Urbana e di Arte Contemporanea.” nell’ambito della II Edizione della “Notte bianca dell’Archeologia”, Cripta del Redentore, Taranto; Controguerra 2018. Un segno di pace, nel centenario della grande guerra, Complesso basilicale Paleocristiano, Cimitile (NA); Lucia Rotundo/Germinazioni, Galleria Spaziosei, Monopoli (BA); Angeli & artisti nella Iglesias de los Angeles, Serrone della Reggia Reale di Monza (MI); Small Art VII^. Rassegna Nazionale del piccolo formato, ADSUM Arte contemporanea, Terlizzi (BA); Lucia Rotundo/Frammenti di una storia, Museo Civico Mons. Domenico Mambrini, Galeata (F.C.); Olio d’artista, Museo del Fuoco, Novoli (LE); Segni di luce, rassegna di Arte Sacra Contemporanea, nell’ambito della terza edizione del “Natale nell’Isola…”, MuDi – Museo Diocesano di Arte Sacra, Taranto; Mater dei. Dal Mistero rivelato a maternità come essenza, Palazzo Leonesio, Puegnano del Garda, Brescia; Contaminazioni Identitarie, Circuiti Dinamici, Milano; Artedonna IX, Galleria “Spaziosei”, Monopoli (BA); Iside e la Wunderkammer della fertilità, Palazzo “Vernazza”, Lecce; Premio Internazionale Limen Arte 2015 VII ed., sez. “Maestri di Calabria”, Complesso “Valentianum”, Vibo Valentia (CZ); The light of my life, Istituto statale “Galileo Galilei”, Bitonto (BA); Avanguardia. Olio per il futuro, “Palazzo delle Stelline”, Expo, Milano; Abitare la natura, personale, Museo Civico, Taverna (CZ); Memoria, Identità, Futuro, Chiesa Sant’Andrea degli Armeni, Taranto; Ibridi & Simili, Biblioteca Provinciale, Salerno; Premio “Carlo Levi”, Museo Archeologico, Eboli (SA); Stone, Masseria Torre di Nebbia, Corato (BA); Acqua, Museo MUST, Lecce.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.soveratounotv.net/2019/07/08/dal-6-luglio-al-31-agosto-al-museo-marca-la-mostra-di-lucia-rotundo-la-poesia-e-i-particolari-nel-bianco-che-diventa-sostanza-in-architetture-poetiche/
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram
S1 TV