“Sono un grande sostenitore dei Festival come il Mgff, che danno la possibilità anche di portare film che in Calabria magari non arriverebbero. Non solo sono belli e umani, ma non inquinano, Viva i festival!”. Sono le parole che un gigante del cinema come John Landis ha pronunciato sul palco dell’arena porto di Catanzaro per l’ultima serata della kermesse che ha regalato nove giorni di grandi eventi, proiezioni e masterclass d’eccezione. La chiacchierata del celebre regista con la giornalista Silvia Bizio – che ha preceduto la cerimonia finale di premiazione – ha rivelato qualche curioso aneddoto sulla genesi della pellicola cult “The Blues Brothers” proiettata a fine serata in occasione dei 40 anni dalla scomparsa di John Belushi. “Un film che parte dalla musica – ha raccontato Landis – ci sono Aretha Franklin, James Brown, Ray Charles, Cab Calloway e tutti gli altri che John Belushi e Dan Aykroyd misero insieme. Il grande merito del film è l’aver rilanciato una musica all’epoca in declino. John e Danny sfruttarono la celebrità ottenuta con il Saturday Night Live per restituirla al rhythm and blues”. E anche per lanciare i RayBan. “Se vuoi costruire un personaggio iconico lo devi riconoscere dalla Silhouette – ha continuato Landis -, quegli occhiali di fatto introvabili, i Rayban, non si trovavano più sul mercato e l’azienda non ne faceva più. Abbiamo girato tutto il Paese per trovarne 29 paia e girare il film”. E ancora una battuta sulla magia della sala: “I film che andrebbero sempre visti al cinema o in uno spazio come questo, in cui c’è un buon sonoro e soprattutto tanta gente. Perché il cinema è emozione, e le emozioni che il cinema crea sono contagiose”. Il MGFF ha reso omaggio anche alla moglie del regista, Deborah Nadoolman Landis, grande costumista che ha ricevuto la colonna d’oro alla carriera: “Mi sento estremamente umile a ricevere un premio – ha commentato – per i costumi in un paese che ha dato al mondo i più grandi costumisti in assoluto”. La cerimonia di premiazione è stata anticipata dai ringraziamenti del direttore Gianvito Casadonte a sponsor e partners che hanno sostenuto la manifestazione e dall’intervento del sindaco di Catanzaro, Nicola Fiorita: “Ringrazio di cuore Gianvito perché ha fatto diventare per una settimana Catanzaro il centro del mediterraneo. Questo è il risultato di un lavoro costante, tenace, determinato”. La giuria delle opere prime e seconde di lungometraggi italiani – composta da Pietro Marcello (Presidente), Michele Alhaique, Giuseppe Zeno, Maria Sole Tognazzi e Barbara Chichiarelli – ha poi decretato tutti i vincitori: Miglior film “Una Femmina” diretto da Francesco Costabile, premio ritirato dall’attrice Anna Maria De Luca; Miglior regia Gabriele Mainetti per Freaks Out; Miglior attrice Lina Siciliano per “Una femmina”; Miglior attore Lillo per “Gli idoli delle donne”; Miglior sceneggiatura Nicola Guaglianone e Gabriele Mainetti per Freaks Out. Lo stesso Guaglianone ha dedicato il premio a tutti gli studenti di cinema invitandoli a continuare nella loro passione: “Non demordete, continuate, il cinema è un lavoro sicuro perché raccontare storie non ti farà mai invecchiare”. Le opere prime e seconde di lungometraggi internazionali sono state giudicate da una giuria composta dal regista John Landis (Presidente), dallo stilista Domenico Vacca e da Nadia Tereszkiewic, protagonista del prossimo film di François Ozon. La giuria ha premiato come Miglior film “Princess of the row” di Van Maximilian Carlson e riconosciuto una menzione speciale all’attrice Seidi Haarla, protagonista di “Scompartimento N.6” di Juho Kuosmanen. “Rue Garibaldi” di Federico Francioni e “Non sono mai tornata indietro” di Silvana Costa sono i titoli vincitori ex aequo della sezione opere prime e seconde di documentari – curata da Antonio Capellupo – decretati dalla giuria composta da Agostino Ferrente (Presidente), Roberto Perpignani e Serena Gramizzi.  A margine è stata consegnata una colonna d’oro a Roberto Perpignani che “ha saputo elevare il montaggio a vera e propria arte, segnando profondamente la storia del cinema”.  Il Premio Vittorio De Seta, organizzato dall’omonima associazione, in collaborazione con il Clorofilla Film Festival e il Magna Graecia Film Festival, è stato invece consegnato a “Burden Child” di Tommaso Cotronei. A regalare un momento musicale chitarra e voce sono stati prima Pago e, nel finale, la madrina Beatrice Grannò con l’arrivederci al prossimo anno e alla ventesima edizione. 

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro