CATANZARO, – Due marescialli dei carabinieri sono stati feriti a coltellate in modo non grave a Giffone da un sessantenne al quale dovevano notificare, insieme al personale sanitario a supporto del quale erano presenti i militari, un provvedimento di trattamento sanitario obbligatorio per condurlo nell’ospedale di Polistena. Il trattamento si era reso necessario a causa delle condizioni psichiche instabili del sessantenne. L’episodio é accaduto nell’abitazione dell’uomo, nella periferia del centro del reggino. Il sessantenne, mentre era in corso la notifica del Tso, ha estratto improvvisamente un coltello a serramanico ed ha ferito i due sottufficiali, uno ad un braccio e l’altro ad un braccio ed alla testa. Subito dopo l’uomo è stato immobilizzato e condotto in ospedale. I due carabinieri sono stati portati anche loro nell’ospedale di Polistena. Uno, giudicato con una prognosi di sette giorni, è stato medicato e dimesso, mentre l’altro, guaribile in dieci giorni, è stato ricoverato. I due sottufficiali hanno ricevuto in ospedale la visita del Comandante provinciale di Reggio Calabria dei carabinieri, colonnello Marco Guerini, e del comandante del Gruppo di Gioia Tauro, tenente colonnello Gianluca Migliozzi. (ANSA).
   

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro