CATANZARO, – “Sosterrò Nicola Fiorita e rimango nel centrodestra anche se non più in Forza Italia. Di sicuro non entrerò a far parte assolutamente della sua coalizione con Pd, M5s”. Lo ha detto Antonello Talerico, candidato sindaco di Catanzaro che sostenuto da liste di ispirazione di centrodestra e Noi con L’Italia ha ottenuto domenica oltre il 13%, incontrando i giornalisti in vista del ballottaggio tra Valerio Donato, civico sostengo da Lega e FI, da formazioni di centrosinistra e di centrodestra (44%) e Nicola Fiorita, candidato Pd-M5s (32%). “Non posso andare con Donato per tanti motivi – ha aggiunto Talerico – ma in primo luogo perché quell’area ha posto un veto sulla mia candidatura a sindaco e non ha voluto dialogare con me anche se, adesso, cerca i miei voti con un atto politico di una scorrettezza unica. E lo fa non interloquendo con me ma tentando di contattare tutti i miei candidati, i quali non sono dei mercenari”. “Sostengo Fiorita non perché abbiamo trovato un accordo sul dare e avere – ha detto ancora Talerico – e con lui sindaco non ci sarà nessuna ingovernabilità. La mia scelta non è ideologica perché in quel caso non avrei dovuto appoggiare nessuno dei due; la mia valutazione va alla persona. Qualcuno, poi, parla di anatra zoppa: vedrete che quest’anatra zoppa diventerà un cinghiale. Da queste parti nessuno si dimette”. “Invece, dei 18 che potrebbero entrare con Donato – ha detto ancora – c’è qualcuno che è ballerino e ci sono molti mal di pancia. Dirò di più: molti candidati di quell’area voteranno Fiorita. Noi non sposteremo certo tutti i nostri oltre seimila voti ma una buona parte parte sì; soprattutto quella che fa riferimento alle due liste di mia diretta espressione. Rispettiamo la scelta di Noi con l’Italia sulla libertà di voto” ha detto ancora Talerico secondo cui “l’elettorato di Fiorita favorirà il proprio candidato al ballottaggio in ragione dell’abbassamento del numero dei votanti. Tutti sappiamo che il prossimo sindaco sarà di sinistra e la prospettiva del cambiamento mi vede più vicino a Fiorita che non a Donato.   L’invito è ad abbassare i toni e ad evitare l’incattivimento crescente”. (ANSA).

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro