Riceviamo e pubblichiamo

In merito alla nota del Sindaco sull’aumento della TARI si rendono necessarie alcune precisazioni.

La maggioranza a partire dal Sindaco deve spiegare ai cittadini le ragioni di un aumento irragionevole e scellerato della Tari.Una famiglia di 4 persone che abita in 100 metri quadri di casa si vedrà recapitare una bolletta maggiorata di circa 200€,un bar di 50 metri quadrati si vedrà un aumento in bolletta di circa 300€.
Tutto ciò non è assolutamente giustificabile con fantasie insostenibili.
Noi come opposizione abbiamo detto NO e soprattutto non ci siamo fatti coinvolgere in una scelta che non condividiamo, ecco perché abbiamo respinto l’invito.

Abbiamo proposto una riduzione con un ISEE entro i 20000 euro allargando la fascia dello sgravio alla maggior parte delle famiglie ,risultato:sbruffi e silenzi!

Con 850.000,00 euro di introito dall’eolico avremmo potuto avere sgravi corposi su tutte le tasse.
Ci parlano del costo ridotto della mensa ed i comuni vicini pagano quanto noi,parlano del costo ridotto dello scuolabus e nei paesi vicini pagano quanto o meno di noi!!

Hanno stabilito la dilazione della tassa non più a tre bensì a quattro rate ma rimarrà un boccone amaro che i pochi cittadini(si pochissimi) che pagano le tasse comunali saranno costretti ad ingoiare.

Ci preme rimarcare a chi crede di aver agito da “buon padre di famiglia” il significato di questa espressione:

Il “buon padre di famiglia” è colui che “ci tiene” e che è premuroso, colui cioè che fa di tutto pur di realizzare l’interesse dei figli. Il che significa che egli assume l’impegno a conseguire, quanto più possibile, il risultato promesso, aggiungiamo quindi che se il risultato promesso era
l’aumento delle tasse possiamo affermare che l’obbiettivo è stato raggiunto.
Antonio Chidoni
Consigliere Comunale

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro