Le massime Autorità locali parlano di scuole, imprese, possesso di armi ed omicidi causati da futili motivi, che portano allo scenario di una Calabria  e di una citta’ come Vibo Valentia totalmente indifesa davanti a quelli che sono situazioni che sembrano addirittura portarci fuori dalla realtà dello Stato di diritto. Pino Masciari commenta i dati riportati dalla Commissione Parlamentare Antimafia che indicano come il tasso medio di mafiosità sulle imprese italiane del 3.3% passa all’ 86.4% nella provincia di Vibo Valentia. “Numeri sconcertanti e situazioni dove sembra quasi non poter intervenire lo Stato. Hanno tutto in mano! Non può questo Paese permettere che la parte sana della Calabria fugga lasciando il territorio in mano ad una ‘Ndangheta sempre più pervasiva in tanti settori pubblici e privati. Trenta anni fa ho vissuto sulla mia pelle, da imprenditore e da cittadino calabrese, tale situazione a cui mi sono ribellato denunciando, trovandomi poi tra l’incudine e il martello, tra la ferocia della ‘ndrangheta e la lassità dello Stato. Quale credibilità vuole ottenere l’attuale classe dirigente, politica, istituzionale, imprenditoriale e sociale, che sembra sorpresa di aver scoperto solo ora tale e tanta indecenza nella provincia tra le più povere d’Italia? La pubblica amministrazione e la giustizia che fanno fatica a funzionare, le tasse elevate, le banche che non danno credito, il mercato del lavoro rigido, le scuole carenti, lo stato sociale debole che subisce etc. mentre le mafie e la corruzione sono le uniche che proliferano, agiscono con alleanze imprenditoriali e politiche. Oggi grazie alle attività della Distrettuale Antimafia di Catanzaro, coordinata dal Procuratore Nicola Gratteri, emerge la complessità di  tale situazione che fino a qualche anno fa nessuno voleva vedere e riconoscere.  Credo che sia necessario raccogliere l’allarme ed agire in fretta”. 

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro