CATANZARO, – Resta in carcere l’avvocato Giancarlo Pittelli, ex parlamentare di Forza Italia, imputato per concorso esterno in associazione mafiosa nel processo “Rinascita Scott”, a carico del quale il 7 dicembre scorso il Tribunale di Vibo Valentia ha disposto la revoca del beneficio degli arresti domiciliari e la traduzione in carcere. Il provvedimento era stato adottato dopo che si è scoperto che Pittelli aveva inviato una raccomandata al Ministro per il Sud, Mara Carfagna, in cui le chiedeva di aiutarlo, definendo “folli” le accuse contestategli dalla Dda di Catanzaro. Il Tribunale di Vibo Valentia, davanti al quale è in corso il processo “Rinascita Scott” nell’aula bunker di Lamezia Terme, ha rigettato l’istanza di rimessione in libertà presentata dai difensori di Pittelli, Salvatore Staiano e Guido Contestabile, motivando la decisione col fatto che il penalista “pur non potendo in alcun modo comunicare con l’esterno, ha tenuto contatti con più soggetti per incidere sul processo in cui è imputato”. (ANSA).

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram
Indietro