CATANZARO –  Da norme più rigide per gli uomini che si macchiano del reato di femminicidio, ad una formazione adeguata nel supporto alle vittime di violenza che trovano il coraggio di spezzare la catena del silenzio e della paura, al finanziamento dei centri antiviolenza fino alla politiche attiveper superare il gap economico e sociale tra uomini e donne. Sono tante le misure concrete da attuare per riempire di contenuti il contrasto alla violenza sulle donne che non può essere affidata ad una Giornata internazionale sebbene questa ricorrenza fornisca l’occasione di riflettere e discutere, soprattutto con le giovani generazioni. E’ stato questo l’intento della manifestazione organizzata questa mattina in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, da CGIL Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo, Fp Cgil e lo SPI CGIL – Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo assieme al sistema bibliotecario Vibonese nella sede del Polo Culturale Santa Chiara. La presentazione del libro “La violenza contro le donne – storia di una identità negata”, alla presenza degli autori Irene Calesini, Viviana Censi e Massimo Ponti ha offerto una importante occasione di confronto anche con gli studenti del liceo classico “Morelli” di Vibo Valentia, collegati in remoto, e per mettere concretamente sul tavolo le proposte del sindacato attraverso le proposte del segretario generale della Calabria, Angelo Sposato che, prima di tutto ha chiesto al consigliere regionale Raffaele Mammoliti di sostenere la creazione di borse di lavoro per le donne vittime di violenza, oltre che al potenziamento della formazione di chi fornisce il primo ascolto a chi denuncia, ma anche la possibilità di mettere a disposizione delle Case rifugio e dei centri antiviolenza beni confiscati alla mafia. Sono queste alcuni delle idee da fare diventare battaglie politiche e istituzionali concrete proposte da Sposato che ha chiuso i lavori del dibattito, moderato da Giovanna Folino Gallo segretaria organizzazione Fp Cgil Area Vasta CZ-KR-VV. Dopo i saluti del segretario generale della Cgil Area Vasta CZ-KR-VV, Enzo Scalese, ha relazionato Rossella Napolano, segretaria Cgil Area Vasta CZ-KR-VV. Ne parliamo con Marwa El Afia, segretaria Cgil Area Vasta CZ-KR-VV; Gianni Dattilo, segretario generale SPI Area Vasta CZ-KR-VV; Amalia Talarico, segretaria FP Cgil Area Vasta CZ-KR-VV; Nadia Fortuna, responsabile INCA Cgil Area Vasta CZ-KR-VV. “La violenza contro le donne ha ormai raggiunto le dimensioni di una vera e propria emergenza sociale ed è un argomento che spesso arriva alla ribalta e se ne sente parlare ai telegiornali, in radio, sul web.  Per le donne tra i 15 e i 44 anni la violenza è la prima causa di morte e di invalidità: ancor più del cancro, della malaria, degli incidenti stradali e persino della guerra – ha detto Napolano -. Femmicidio e femminicidio sono crimini di Stato tollerati dalle pubbliche istituzioni per incapacità di prevenire, proteggere e tutelare la vita delle donne, che vivono diverse forme di discriminazioni e di violenza durante la loro vita. La violenza di genere in Italia viene considerata una violazione dei diritti umani ed è a tutti gli effetti una conseguenza delle forme di violenza meno conclamate e palesi che molte donne subiscono ogni giorno.  Le violenze o gli omicidi sono commessi dai familiari, mariti e padri, amici, vicini di casa, conoscenti stretti e colleghi di lavoro o di studio; il problema deve essereaffrontato e risoltoconuno sforzo unanime e con la responsabilità di tutti i soggetti sociali, istituzioni,  le agenzie educanti  come  la famiglia e  la scuola in primis dove favorire le condizioni per una nuova cultura”. Numerosi gli interventi e le testimonianze, arricchite dalla partecipazione delle rappresentanti delle associazioni Fidapa, Astarte e Libera nel confronto sul libro. La violenza contro le donne interessa donne e uomini di ogni età, ceto sociale, provenienza geografica, livello economico e credo religioso. Alla base di tutte le forme di violenza (fisica, economica, sessuale, psicologica) c’è, e c’è stata da millenni forse, la convin­zione consapevole o no che la donna sia mentalmente inferiore all’uomo e che valga di meno come essere umano. Insieme e oltre la violenza manifesta, dallo stalking allo stupro fino al femminicidio, esiste una forma di violenza subdola, che non colpisce il corpo, non lede con atti e parole: è invisibile, ma attacca e distrugge la mente delle vittime, che arrivano persino a sentirsi colpevoli e meritevoli di quanto loro accade. Significativa, secondo Scalese, la scelta della presentazione di questo volume proprio a Vibo, capitale del libro 2021. “Le vittime dei reati denunciati che emergono dal report delle Questure ci parlano di 103 casi di femminicidio dall’inizio dell’anno – spiega Scalese -. Quindi 1 ogni 3 giorni. Una altro da mettere in rilievo è quello relativo alle morte sul lavoro: delle 772 vittime il il 10 per cento erano donne, aggiungiamo questo lo scenario diventa ancora più drammatico e poi si aggiungono i casi non denunciati di molestie. Bisogna intervenire subito, soprattutto a livello scolastico, migliorando la capacità formativa per intercettare e far emergere situazioni nell’ambito familiare, finanziare centri antiviolenze, e le case rifugio mentre sui luoghi di lavoro bisogna rafforzare la contrattazione delle lavoratrici e rimuovere comportamenti ed atteggiamenti che non sono solo molestie ma intaccano la dignità della persona”. Il segretario generale Sposato ha anche proposto una lettura collettiva del libro che potrebbe essere molto pedagogica, “anche ai soggetti nelle istituzioni. Quello che è successo ieri in Senato dà l’idea dell’ipocrisia nell’approccio rispetto al fenomeno – spiega -. Servono interventi specifici su questo tema per sfuggire dalla retorica della giornata ogni giorno deve essere utile per combattere il fenomeno: vedo degli arretramenti da punto di vista internazionale, visto che c’è chi sceglie di intervenire in convegni in Paesi che praticano restrizioni dei diritti civili delle donne . Anche noi abbiamo combattuto per affermare la legge sulla parità di genere e in Calabria abbiamo figure simbolo come quelle di Lea Garofalo, ma non basta esaltare gli esempi. Servono gesti concreti prima di tutto nell’ambito lavorativo: le donne vittime di violenza spesso sono costrette a rimanere a casa sottomesse ai mariti violenti per un fatto economico. Per questo – rimarca Sposato – sia necessario sostenere prima di tutto le borse di lavoro per il reinserimento nell’ambito lavorativo, anche chiedendo quote riservate nei concorsi pubblici. Sarebbe bello poter guardare al futuro con fiducia sulla parità di genere auspicando anche nell’elezione di un presidente della Repubblica donna”.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram