Riceviamo e pubblichiamo nota stampa del gruppo Girifalco Una Nuova Era :

OGGETTO: attività di estumulazione/esumazione nel cimitero di Girifalco, denunciata da privati cittadini e organi di stampa a luglio 2021.

 

I sottoscritti consiglieri comunali dei gruppi in intestazione, premesso che:

* in questi giorni ha suscitato scandalo e preoccupazione in gran parte della popolazione la denuncia fatta da alcuni cittadini che, recatisi nel cimitero per far visita ai propri defunti, hanno rinvenuto, nei pressi della chiesetta interna al camposanto, una cassetta piena di ossa umane, ivi deposte senza alcuna protezione o cura ed alla mercé di chiunque (anche di animali randagi);

* tale è stato l’impatto emotivo provocato dalla visione di quei resti, che taluni hanno anche mostrato sui social (facebook) la riproduzione fotografica delle ossa, sollevando l’interesse di molteplici personalità ed autorità;

* dopo il totale silenzio e l’indifferenza, sia di Sindaco che di Vicesindaco (nonché assessore alla sanità) alle rimostranze sollevate dagli scriventi nella recente seduta del Consiglio Comunale, sui social, è apparsa una dichiarazione a firma di Pietrantonio Cristofaro – Sindaco di Girifalco che condanna e stigmatizza il comportamento di coloro che hanno fatto le tristi fotografie, pure paventando una forma di tutela protettiva verso la ditta che ha eseguito i lavori, come se i fatti di cui si parla fossero da attribuire a quest’ultima.

Come saprà sicuramente il Sig. Sindaco, esperto tecnico comunale preso altri enti, ai sensi del D.P.R. n.285/90 e del DPR n.267/2000, è solo il Sindaco il responsabile dell’igiene e sicurezza pubblica e soprattutto delle attività di estumulazione e esumazione delle salme, sia in aree pubbliche che private. Infatti gli artt.82,83,84,85,86,87,88,89 del DPR n.285/90 disciplinano le attività di estrazione di resti cadaverici (estumulazioni e esumazioni) vietando che tali attività siano effettuate nei mesi di caldo (da maggio a settembre), attribuendo al Sindaco la competenza ad autorizzare e sorvegliare l’espletamento di tali attività, che debbono sempre essere compiute sotto la vigilanza diretta di un medico inviate dalla Unità di Igiene Pubblica.

E’ comunque vero che il regolamento comunale di polizia mortuaria adottato con deliberazione di consiglio comunale n.31 del 30.11.2018 ha previsto la facoltà di procedere alle esumazioni ordinarie in qualunque periodo dell’anno, anche se è preferibile procedere nei periodi consentiti di cui all’art.84 del DPR 10 settembre 1990 n.285” (art.59), sempre secondo regole precise adottate con ordinanza del Sindaco e, sinceramente, in un periodo caratterizzato da condizioni di estrema calura, al limite della calamità naturale, non si comprende che tipo di motivazione possa essere fornita nell’adottare eventuali provvedimenti (se esistenti) che deroghino al “suggerimento”  fornito dalla disciplina comunale, ovvero di “preferire” i periodi stagionali indicati dalla legge nazionale.

Premesso quindi quanto sopra, si chiede:

a) perché le attività su descritte siano state eseguite ed autorizzate dal Sindaco (che assumendo la difesa della ditta esecutrice dimostra di essere pienamente consapevole dei lavori in corso) in periodo in cui vige il divieto imposto dalla legge nazionale;

b) se il Comune, anche attraverso il contributo dell’Assessore alla Sanità che fa anche le veci del Sindaco, abbia chiesto la partecipazione ai lavori in questione dei competenti funzionari sanitari e se essi abbiano firmato i relativi verbali da consegnare al Sindaco, di cui si chiede sin d’ora copia fotostatica;

c) quante siano le formali autorizzazioni all’estrazione dei resti, preliminari alla esecuzione dei lavori, di cui se ne chiede il rilascio.

Copia della presente viene inviata alle Autorità in indirizzo, stante anche il clamore mediatico che la vicenda ha assunto e le ovvie conseguenze che potrebbero derivarne.

 

 

 

Girifalco lì 02.08.2021

 

 

 

I Consiglieri Comunali:

                                                                                                       

                                                                          

Dott.ssa Carolina Scicchitano                          Ing. Elisabetta Ferraina

                                                                               


 

 

Dott.ssa Teresa Signorello                             Dott. Mario Deonofrio

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram