Sottoscritto protocollo d’intesa per sensibilizzare i cittadini sulle questioni ambientali

CHIARAVALLE CENTRALE – «Facciamo la differenza! Consegniamo ai nostri figli un mondo più ecosostenibile!».
Così il sindaco di Chiaravalle Centrale Domenico Donato al momento della sottoscrizione del protocollo d’intesa con l’ Associazione di Volontariato “Plastic Free” rappresentata dal referente provinciale di Catanzaro, Nicola Sestito.
Passeggiate ecologiche, lezioni nelle scuole, informazione mirata, appuntamenti di raccolta rifiuti abbandonati e tante altro ancora al servizio di un progetto che si pone la finalità di sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica e sul suo potere altamente inquinante.
«La nostra amministrazione – ha concluso Donato – da sempre attenta alle tematiche ambientali, stringe questo protocollo per permettere un’azione di volontariato sul territorio che sia veloce, efficace e duratura».
Plastic Free Odv Onlus è un’associazione di volontariato nata il 29 Luglio 2019 con l’obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che non solo inquina bensì uccide. Nata come realtà digitale, nei primi 12 mesi ha raggiunto oltre 150 milioni di utenti e oggi, con oltre 900 referenti in tutt’Italia, si posiziona come la più importante e concreta associazione in questa tematica. Non solo online, Plastic Free, infatti, è impegnata su più progetti, dalla raccolta nelle spiagge e città al salvataggio delle tartarughe, dalla sensibilizzazione nelle scuole al progetto con i Comuni, dal Plastic Free Walk al Plastic Free Diving.
Cosa pensa Plastic Free
Il vero problema è il rapporto tra la plastica e l’uomo, un fallimento. Questo è il motivo per il quale la plastica, in particolare quella monouso, deve essere tolta dalle mani della massa. Fino a quando non sarà trovata un’alternativa valida, è ancora giustificato il suo utilizzo dove può fare davvero la differenza, ad esempio nella medicina o dove non è utilizzata per 5 minuti e poi buttata via, spesso nell’ambiente.
Molte persone sostengono che la plastica non ha gambe, non arriva da sola nell’ambiente, non è pericolosa. La nostra risposta è semplice: anche la droga, le armi e tante altre cose considerate pericolose non hanno vita, ma se in mano all’uomo creano distruzione, non c’è ragione di farle rimanere in circolazione. Tutta la plastica creata fino ad oggi esiste ancora e i numeri diventano giorno dopo giorno sempre più preoccupanti. Impatta sull’ambiente, oltre 12 milioni di tonnellate di plastica ogni anno finiscono in natura. Impatta sugli animali, oltre 100.000 mammiferi muoiono ogni anno dopo aver ingerito plastica. Impatta sull’uomo, ogni settimana mangiamo circa 5 grammi di plastica, l’equivalente del peso di una carta di credito. (Franco Polito Preserreedintorni.it)

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram