SOVERATO – In un’epoca storica non semplice segnata dalla pandemia da Covid-19 sono sempre piu’ frequenti le brutte notizie e le critiche rivolte in ambito sociale e sanitario. Non fa eccezione la nostra Calabria, attaccata su molti fronti come, ad esempio, l’infelice piazzamento all’ultimo posto nazionale a causa dei ritardi nelle somministrazioni dei
vaccini anti-covid. Non ci sono, però, solo notizie sconfortanti; non bisogna perciò fare di tutta l’erba un fascio perché, anche in situazioni all’apparenza catastrofiche, può succedere qualcosa di buono. E’ portatrice di speranza, infatti, la vicenda che ha coinvolto un ultra-sessantenne di Soverato, soggetto fragile e, come se non bastasse, risultato positivo al Covid-19 assieme a tutti i membri della sua famiglia. In virtu’ delle proprie condizioni potenzialmente critiche, soprattutto in caso di positività al Coronavirus, l’uomo ha deciso di rivolgersi al proprio medico curante, il Dott. Antonio Maiolo, il quale ha attivato insieme all’USCA locale la richiesta di cura monoclonale, somministrata con successo al paziente soveratese, presso la struttura ospedaliera universitaria di Germaneto di Catanzaro. La cura monoclonale è una delle piu’ innovative e piu’ efficaci armi per combattere questo subdolo virus, l’episodio narrato infonde fiducia e prestigio alla sanità locale; non si vede infatti tutti i giorni, soprattutto dalle nostre parti, una cura monoclonale. R.G. (questo il nome del paziente) è infatti la prima persona in tutta la provincia di Catanzaro ad aver beneficiato di questa speciale terapia che consiste in un’infusione di anticorpi, all’interno dell’organismo del positivo/fragile già ‘segnato’ già da altre patologie, che ha lo scopo di fronteggiare sul nascere, sconfiggendoli in maniera istantanea, i pericolosissimi sintomi del Covid che, specie su persone fragili, possono risultare fatali.

Francesco Gioffrè

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram