Domani 16 aprile dalle 8:30 alle 18:00 si svolgerà un’esperienza di viaggio online per scoprire la continuità tra mondo antico e immaginario tradizionale del Meridione attraverso luoghi e lezioni di studiosi e non. Il Liceo Classico ‘Telesio’ di Cosenza, con il coordinamento della docente Daniela Filice, presenterà la Calabria più bella all’Italia tutta, avendo aderito al progetto proposto dalla delegazione “Antico e Moderno” dell’ AICC (Associazione Italiana di Cultura Classica),  “Continuity – Alla scoperta della continuità antico e moderno nel Meridione”. Ad inaugurare la manifestazione sarà il video “Sila Antica”. L’autore, il prof. Pierluigi Pedretti (coadiuvato da Franco Daddo Scarpino e da Lavinia Pedretti), attraverserà l’altopiano calabrese illustrandone le straordinarie bellezze paesaggistiche e mostrando quanto il lavoro degli uomini lo abbia modificato nel corso dei millenni. Una plurisecolare e persistente antropizzazione ha “addolcito” la natura silana, dove gli antichi frequentatori brettii, greci e poi romani praticavano l’agricoltura, la caccia, allevavano il bestiame e utilizzavano il legname per le costruzioni e per estrarre la pece. Dal Museo dei  Brettii e degli Enotri, nostri antichissimi padri, gli studenti del Liceo ‘Telesio’ Illustreranno poi gli importanti reperti in esso custoditi. L’intervento degli studenti  si articolerà attraverso due percorsi: uno più canonico, con la selezione e la proposta di reperti significativi che consentono di ricostruire il profilo culturale delle genti documentate dalle collezioni del Museo; l’altro, invece, curato dal prof. Antonello Lombardo, costituirà una rielaborazione “artistica” delle informazioni da essi ricavate. Il progetto, coordinato dai professori Daniela Filice, Eliodoro Loffreda, Antonio Romeo e Rosanna Tedesco, si è avvalso della consulenza scientifica della direttrice del Museo, Marilena Cerzoso, e, per le riprese, dell’ausilio tecnico di Gianfranco Confessore, supervisore agli effetti speciali. Gli studenti protagonisti del progetto sono Aurora Cassano, Assunta de Francesca, Elisabetta Turano, Francesco Mendicino, Francesca Elia e Lavinia Tatu. Un apporto fondamentale infine è stato fornito dagli ex allievi del Liceo,  Lorenzo Patella e Corrado De Pasquale. Il Dirigente del Liceo, ing. Antonio Iaconianni, evidentemente entusiasta ha dichiarato: «Ringrazio la prof.ssa Filice ed il prof. Lelli del Liceo ‘Tasso’ di Roma, i docenti e gli studenti tutti e l’Associazione Italiana di Cultura Classica che hanno lavorato in sinergia consentendo questa bellissima iniziativa. Si tratta – ha continuato Iaconianni – di un’occasione formidabile per riscoprire le nostre origini e diffondere l’importante patrimonio culturale e paesaggistico della Calabria. Memoria, comprensione del passato e consapevolezza del presente, come dice la prof.ssa Filice, possono trasformare l’eredità culturale in nuove prospettive di sviluppo ed essere “vaccino” di speranza per testimoniare alle nuove generazioni la ricchezza che abbiamo ereditato dagli Avi. Questa – ha concluso il Preside – è anche una grande opportunità di promozione della nostra terra e siamo lieti che, nonostante il difficilissimo momento, la nostra scuola continui ad offrire opportunità al nostro Paese. L’augurio è che anche grazie ad iniziative come queste, dalla prossima estate, vinta la terribile pandemia, il turismo possa riprendere nella nostra bellissima Calabria».

#iovadoaltelesio  #unascuolameravigliosa

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram