23/04/2021

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Chiaravalle, test rapidi agevolati per i fuorisede che rientrano

Il Circolo Auser di Chiaravalle Centrale, Associazione riconosciuta a livello Nazionale, nell’ottica di voler perseguire la sua missione che è quella di tutelare l’Invecchiamento attivo ed in riferimento alla proposta progettuale di screening per accertare la positività al COVID19, è lieto di comunicare che la Rete di Laboratori Ippocrate SRL ha espresso la volontà di accogliere la nostra proposta offrendo a tutti i FUORISEDE la possibilità di sottoporsi al tampone rapido per la ricerca dell’Antigene SARSCOV-2. L’iniziativa è stata pensata al fine di tutelare la salute della nostra Comunità, rappresentata anche all’ Amministrazione Comunale di Chiaravalle nelle precedenti settimane. L’esame potrà essere effettuato presso il punto prelievo di Corso Staglianò 373 in Chiaravalle. Nelle discussioni intercorse con il Sig. Claudio Giorno circa le caratteristiche del test da loro utilizzato, si è appreso che la Rete di Laboratori Ippocrate SRL ha optato per questa tipologia di test in seguito ad uno studio comparativo di 15 test diagnostici e non in seguito alle autodichiarazioni dei produttori circa la sensibilità dell’esame, spesso risultate non veritiere. L’esame a cui saranno sottoposti i FUORISEDE ha un prezzo scontato del 25%, pari a 30€ rispetto alla tariffa base di 40€, dal 21 dicembre al 9 gennaio. Pertanto chiunque rientri nel Comune di Chiaravalle, recandosi presso il punto prelievo sopraindicato, sottoscrivendo una dichiarazione dalla quale risulti la Regione o lo Stato di provenienza e la residenza o il domicilio temporaneo, e presentandosi come informato” AUSER avrà diritto all’agevolazione per eseguire il tampone antigenico. Un grazie anticipato al Sig. Claudio Giorno e alla Rete di Laboratori Ippocrate SRL per la sensibilità dimostrata per la nostra Comunità, e a tutti coloro che si recheranno presso la struttura per sottoporsi a tampone, a loro tutela e a tutela della salute dei nostri anziani che in questa pandemia hanno pagato il prezzo più alto.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram