18/04/2021

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Squillace-Catanzaro, Giornata disabilità: le attività dei centri diurni di “Città Solidale”

Si svolge oggi la “Giornata internazionale delle persone con disabilità”. I due centri diurni per disabili, Cassiodoro (a Squillace lido) e Minozzi (a Catanzaro), gestiti dalla Fondazione Città Solidale, intendono sensibilizzare il territorio sul tema della disabilità, seppure in modo diverso rispetto gli altri anni per via dell’emergenza sanitaria in atto. Città Solidale propone oggi un progetto che ha la finalità di educare ed informare con lo strumento della comunicazione, in modo particolare quella che si attua attraverso la fotografia. Il progetto “Identità” vede la luce grazie all’aiuto e alla sensibilità della fotografa Laura Russo che, dopo aver conosciuto gli ospiti, gli operatori e la vita che si svolge all’interno dei due centri diurni, ha realizzato un reportage fotografico che potesse svelare e raccontare ciò che solo le persone con disabilità riescono a comunicare. Attraverso l’utilizzo di una speciale lente, la professionista ha permesso alle emozioni di diventare reali e trasparenti e agli attimi di rimanere impressi per sempre. Lo scopo è quello di far evincere “il valore dell’identità dell’individuo attraverso il proprio nome”, mostrando la vera essenza e particolarità di ogni persona. Gli ospiti dei due centri sono stati ripresi con discrezione, durante le normali attività laboratoriali e non si sono lasciati condizionare dal momento, ma con naturalezza hanno trascorso le ore previste nella quotidianità. Il reportage viene reso pubblico attraverso i canali social di Fondazione Città Solidale, proprio per l’occasione. Un momento che vede in contemporanea la visione del materiale fotografico anche agli ospiti che hanno partecipato alla realizzazione dello stesso e che saranno collegati tra di loro in remoto; un modo questo per condividere insieme il frutto del progetto e anche un momento di divertimento, con momenti ludici e attività giocose e legate anche al clima natalizio. Tali attività sono state proposte anche per evidenziare che, nonostante le difficoltà del momento e dovute alla peculiarità di ogni ospite che frequenta i due centri, non esistono barriere così grandi che possano impedire di stare uniti ed insieme, anche se distanti fisicamente. In tal modo si vuole dare la giusta importanza al tema della fratellanza e della disabilità come “modo ingegnoso di vivere”.

Carmela Commodaro

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram