19/01/2021

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Attesa per il dpcm sul Natale, il Governo sceglie la linea del rigore

Il governo conferma la linea del rigore nel vertice con le Regioni, i Comuni e le province convocato dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, in vista del prossimo dpcm. L’esecutivo va infatti verso la conferma delle restrizioni gia’ trapelate in questi giorni: coprifuoco alle 22 anche nelle regioni gialle, no agli spostamenti tra le regioni e chiusura degli impianti sciistici. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ribadito, secondo quanto apprende la Dire, “che non si puo’ tornare indietro dalle misure previste“, almeno “non prima della fine delle vacanze di Natale”. Concetto ripreso anche da Boccia secondo il quale “le deroghe vanno limitate il piu’ possibile”. Perche’ il sistema tenga, ha sottolineato il ministro, “e’ indispensabile non fare eccezioni”. Necessario, quindi, “mantenere la stretta collaborazione di questi giorni e dalla prossima settimana, con il dpcm alle spalle che ci portera’ fino a dopo l’Epifania, lavoreremo sulle questioni rimaste aperte”. Lecito attendersi quindi che le misure adottare nel dpcm del 3 dicembre possano durare fino a meta’ gennaio. Su quest’ultimo punto, i ministri hanno ribadito che dipendera’ “dalla capacita’ di tenuta durante le feste”. Infine, anche sulle aperture delle piste, poco margine. Il ministro Speranza ha ribadito quanto detto piu’ volte: il problema non sono gli impianti in se’, ma le situazioni di socialita’ che inevitabilmente verrebbero a crearsi. (dire.it)

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram