03/12/2020

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Squillace, la Rete aderisce alla “Settimana riduzione rifiuti”

L’associazione “La Rete” di Squillace aderisce e partecipa alla “Settimana europea per la riduzione dei rifiuti” con una iniziativa incentrata sui “Rifiuti Invisibili”, tema dell’edizione 2020, nonostante la particolare situazione non si è voluto mancare a questo appuntamento che è parte integrante della programmazione dell’Associazione fin dal 2013. A causa delle disposizioni in essere per la pandemia da Covid-19 l’intera iniziativa si svolgerà virtualmente attraverso la pubblicazione sulla pagina Facebook dell’associazione “La-Rete” di slide informative sui Rifiuti Invisibili cioè quella grande quantità di rifiuti generati durante il processo di fabbricazione e distribuzione dei prodotti, e che noi non vediamo, per conoscere, come recita lo slogan ufficiale “Qual è il tuo peso reale?”, la SERR ci sfida a informarci sui chili in più che tutti portiamo sulle spalle a causa di modelli di produzione e consumo non sostenibili. La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti è nata nel 2009 come progetto Life+, finanziato dall’Ue; durante una sola settimana di novembre riunisce amministrazioni pubbliche – cittadini, scuole, imprese, Ong, associazioni – che organizzano, iniziative che promuovono la riduzione dei consumi, il riutilizzo di prodotti e materiali e il riciclo dei rifiuti, diventando la più grande campagna di sensibilizzazione sulla prevenzione dei rifiuti in Europa. In Italia la “Settimana”, alla quale per l’edizione 2020 si sono iscritte quasi 3500 iniziative, è promossa dal comitato promotore nazionale composto da: Cniu Unesco, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Utilitalia, Anci, Città Metropolitana di Torino, Regione Siciliana, Legambiente, Aica, ed E.R.I.C.A. soc. coop. come partner tecnico, viene organizzata con il contributo del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Conai e dei Consorzi di Filiera Cial, Comieco, Corepla, Coreve e Ricrea.
Carmela Commodaro

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram