01/12/2020

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Neri (PD) preoccupata per la prolungata chiusura delle scuole di Chiaravalle: “Gli esiti dei tamponi devono essere rapidi”

“Siamo in una situazione mai affrontata prima. Questa è una certezza. E viviamo la pandemia in una delle Regioni più disastrate che esistono nello scenario italiano ed europeo”. Considerazioni che rappresentano l’avvio di un ampio ragionamento offerto da Emanuela Neri, consigliere comunale a Chiaravalle Centrale e componente della Segreteria provinciale del Partito Democratico. “Le vicende di questi giorni, tra Commissario destituito, sul cui operato si riflette solo ora, e nuovo Commissario nominato di cui si ha la percezione, da alcune sue dichiarazioni, che potrebbe non essere la scelta giusta, ci danno la certezza – asserisce l’esponente dem – che siamo la regione più colpita dal disastro pandemico. Ma questo non vuol dire che dobbiamo abbassare la testa, questo non vuol dire che bisogna arrendersi. Mentre si rimpallano le responsabilità sulla situazione sanitaria, mentre ci si accorge solo ora della catastrofe si continua a non fare nulla per accelerare i processi e intervenire in modo efficace ed efficiente sulla situazione. Voglio fare una premessa che ritengo doverosa. In questa situazione nessuna speculazione politica può muovere una azione da parte di nessun rappresentante politico e/o istituzionale e, per quanto mi riguarda, in passato le mie azioni hanno dimostrato questo. Credo invece, sia importante unire le forze ragionando assieme a tutte le rappresentanze politiche rispetto alle decisioni da intraprendere nel rispetto del potere decisionale ultimo. Ritengo fondamentale il confronto anche con chi rappresenta una parte dei cittadini. C’è un problema nel problema che purtroppo rallenta i processi al fine di poter riprendere le attività a seguito del rilevamento di casi di positività nei vari Comuni. Ossia i ritardi nella lavorazione dei tamponi che non pervenendo in tempi utili costringono alla chiusura i sindaci”. “E’ il caso – arriva al punto Neri – di Chiaravalle Centrale. E’ di ieri il video messaggio del sindaco che prolunga la chiusura di ogni ordine e grado delle scuole con la seguente motivazione: ‘Stiamo aspettando da sabato 31 ottobre gli esiti dei tamponi che non sono ancora arrivati, è difficile gestire in questa situazione l’emergenza Covid 19 , il tracciamento è difficile poterlo effettuare, pertanto, siamo costretti ad assumere determinazioni tali che possono non essere bene accette da parte dei cittadini come quella della chiusura della didattica in presenza nelle scuole. Se non si ha l’esito dei tamponi dei genitori come si possono far tornare i bambini a scuola?’.
Nel merito della decisione per quanto anche detto in precedenza non voglio assolutamente entrare, ma ritengo doveroso in qualità di rappresentante istituzionale, politico ma anche di mamma, di chiedere alle autorità competenti di prendere al più presto provvedimenti per accelerare i processi al fine di avere in tempi rapidi gli esiti dei tamponi. In questo caso a pagarne il prezzo più alto sono i nostri figli che da quasi un anno ormai vivono una condizione di instabilità. E’ analisi non mia, ma di importanti psicologi, sociologi e pedagogisti che i danni che si stanno creando soprattutto ai bambini dai tre ai sei anni sono devastanti per la loro crescita. Dal confronto con molte mamme e con le maestre si evince che questa situazione sta facendo notare cambi di comportamento e di umore non facili da gestire. Allora io chiedo che vengano attivate tutte le misure per velocizzare i tempi. A tutte le autorità competenti chiedo di intervenire al fine di tutelare la salute dei più piccoli che rischiano di essere protetti dal Covid, ma di subire danni psicologici importanti. Stiamo togliendo ai nostri figli pezzi della loro infanzia. Siamo profondamente responsabili di tutto ciò. Altro dato importante da non sottovalutare è che, costretti comunque ad andare a lavoro, i genitori difronte alle chiusure improvvise non possono fare altro che collocare i propri figli da nonni, parenti, amici. Con i danni in quanto a diffusione del virus che da questo potrebbero derivare. E chi, pur dovendo andare a lavorare, non ha nessuno a cui affidare i propri figli? Oggi un genitore non può permettersi di non andare a lavorare, dunque credo che le scuole siano ad oggi il posto più sicuro per contenere il virus. Dobbiamo mettere in campo tutte le azioni possibili, se è necessario, anche attraverso una protesta pacifica per far sì che, dove dall’esito dei tamponi dipende la riapertura delle scuole, questi vengano processati in tempi rapidissimi permettendo ai bimbi di rientrare. Se è necessario potenziate il servizio con altro personale fatelo, se c’è bisogno di acquistare nuovi macchinari fatelo. Sicuramente chi è responsabile di tutto ciò sa cosa serve e chi ha il potere di decidere deve assumersi la responsabilità di farlo. In questa nostra Calabria già tanti soggetti deboli stanno pagando il prezzo più alto di errori di altri oltre che a causa del virus. Mi riferisco a tanti dei nostri anziani morti nelle Residenze Sanitarie Assistenziali e non solo, mi riferisco ai tanti disabili costretti oggi ancora di più all’isolamento, mi riferisco ai tanti padri e madri di famiglia precari la cui precarietà si è trasformata oggi in disoccupazione”. “E’ il tempo – confida la rappresentante del PD – dell’agire, non più delle parole”

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram