MATTARELLA AI GIOVANI: RICORDATE SEMPRE ESEMPIO DI FALCONE E BORSELLINO

“I due attentati di quel 1992 segnarono il punto piu’ alto della sfida della mafia nei confronti dello Stato, e colpirono magistrati di grande prestigio e professionalita’ che con coraggio e determinazione gli avevano inferto colpi durissimi, svelandone le attivita’ illecite. Ma i mafiosi, nel progettare l’assassinio dei due magistrati, non avevano previsto un aspetto decisivo, quel che avrebbe provocato nella societa’, non avevano previsto che l’insegnamento di Falcone e Borsellino, il loro esempio e i loro valori, sarebbero sopravvissuti rafforzandosi oltre la loro morte, radicandosi nella coscienza e nell’affetto delle tante persone oneste”. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha aperto con queste parole le celebrazioni per il 23 maggio, la giornata della Legalita’ in cui si ricordano le stragi di Capaci e Via D’Amelio. Nel videomessaggio, Mattarella ha poi aggiunto: “La mafia si e’ sempre nutrita di paura, prosperando nell’ombra, le figure di Falcone e Borsellino come tanti servitori dello stato hanno fatto crescere nella societa’ il senso del dovere e l’impegno per contrastare la mafia e per far luce sulle tenebre, infondendo coraggio, suscitando rigetto e indignazione, provocando volonta’ di giustizia di legalita’. I giovani sono stati tra i primi a comprendere il senso del sacrificio di Falcone e di Borsellino, e ne sono divenuti i depositari e gli eredi. Dal 1992, anno dopo anno, nuove generazioni di giovani si avvicinano a queste figure esemplari e si appassionano alla loro opera. Ragazzi, il significato della vostra partecipazione a questa giornata e’ il passaggio a voi del loro testimone. Siate fieri del loro esempio, e ricordatelo sempre”. (Adi/ Dire)

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram