21/10/2020

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Nuovadestinazione del fabbricato a Siano, nota dell’ex presidente della Provincia Bruno e dell’ex dirigente Narciso

CATANZARO –  “Non possiamo che esprimere contrarietà alla delibera avente ad oggetto: “Atto di indirizzo per la modifica della destinazione fabbricato in costruzione in località Siano Catanzaro”, approvata dal Consiglio provinciale nella seduta del 6 maggio scorso. Prima di tutto per quei motivi di carattere finanziario che vengono addotte dall’Amministrazione in carica a supporto delle scelta di cambiare la destinazione del fabbricato: oggi la Provincia di Catanzaro, per mancanza di edifici di proprietà, nel solo centro città, per fitti passivi, relativi all’uso di immobili privati adibiti a scuole, spende circa 1.200.000 euro annui. La costruzione del nuovo Liceo “Siciliani” a Siano non solo andava nella direzione principale di dare agli studenti e a tutti gli operatori, una scuola moderna e a norma, ma anche permetteva alla Provincia di abbattere, almeno in parte, i fitti passivi”. E’ quanto affermano Enzo Bruno, già presidente della Provincia di Catanzaro, e l’architetto Pantaleone Narciso, già dirigente edilizia scolastica di Palazzo di Vetro. “Per questo condividiamo la presa di posizione dei rappresentanti degli studenti del Liceo ‘Siciliani’ che in una nota sostengono che l’istituto, con la delibera del Consiglio provinciale ‘subisce uno scippo imperdonabile’ – scrivono ancora Bruno e Narciso -. Perplessità suscita un’altra motivazione a supporto della decisione, dove nella delibera si legge “ “CONSIDERATO che si registra all’attualità un sostanziale mutamento dello scenario socio-urbanistico del territorio di pertinenza del capoluogo di Regione, rispetto all’epoca del progetto sopracitato, dovuto al progressivo spopolamento del centro storico della città quale conseguenza del decentramento di diversi servizi e funzioni”. Cosa vuol dire – si chiedono Bruno e Narciso -. Forse, siccome la città si sta svuotando, come rimedio continuiamo a far ‘’pagare’’ i disagi agli studenti? L’Amministrazione provinciale, dopo molte difficoltà e alcuni anni di fermo, senza incorrere come spesso accade in contenziosi che, quasi sempre, producono ingenti danni alla stazione appaltante, era riuscita a far ripartire i lavori di costruzione del “Nuovo Liceo Scientifico Siciliani” in località Siano. Questo, per permettere agli alunni di disporre un nuovo istituto scolastico perfettamente a norma, dotato di  spazi per didattica, uffici, impianti, verde, parcheggi ecc., rispettosi dei nuovi indirizzi per la costruzione  degli edifici scolastici. Inoltre, la Provincia aveva partecipato ad un bando del Ministero dell’Istruzione, per la realizzazione di una certo numero di scuole “INNOVATIVE” in tutt’Italia. Il progetto presentato prevedeva la realizzazione, in un’area di proprietà attigua al costruendo liceo, del nuovo Istituto Tecnico per Geometri e del nuovo Liceo Artistico. Il progetto è stato ammesso a finanziamento per un importo di 5.000.000 euro. Ciò avrebbe portato alla costruzione in quella località di un polo scolastico innovativo e di avanguardia”.

“L’efficacia delle politiche sociali e scolastiche non può prescindere da un piano d’investimenti per la conservazione, l’adeguamento e la valorizzazione del patrimonio di edilizia scolastica di proprietà – scrivono ancora l’ex presidente e l’ex dirigente all’Edilizia scolastica di Palazzo di Vetro -. Nell’ottica di detto impegno l’Amministrazione Provinciale negli anni 2014\2018 ha dato corso ad importanti interventi rivolti sia al recupero e valorizzazione del patrimonio immobiliare scolastico esistente, che alla costruzione di nuove scuole. Condizioni fondamentali per il rilancio delle ambizioni di un Ente, che comprende oltre alla zona del Catanzarese anche quelle del Lametino e del Soveratese. Gli Istituti Scolastici Provinciali sono stati interessati da tutta una serie di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. Gli interventi effettuati sugli edifici scolastici, negli anni 2014-2018, hanno impegnato risorse per circa: 6.000.000 di euro nella zona del catanzarese; 3.800.000  euro nel lametino; 2.600.000  euro nel soveratese”.

“L’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, oltre agli interventi manutentivi, ha predisposto tutta una serie di progettazioni, con relative richieste di finanziamento, sia alla Regione Calabria che allo Stato, finalizzate alla esecuzione di lavori di ristrutturazione, adeguamento sismico, ampliamento, demolizioni e ricostruzioni, nuove costruzioni. I finanziamenti richiesti, quasi tutti ottenuti, ammontano complessivamente a 38.850.000 di euro, così suddivisi per zona: catanzarese 14.900.000 euro; lametino 9.900.000; soveratese 14.050.000  euro. Riteniamo pertanto – concludono Bruno e Narciso – che vada ascoltato il grido d’allarme dei mille studenti del Liceo Siciliani,delle loro famiglie e degli operatori scolastici. Chiediamo la revoca immediata della delibera, del cambio di destinazione d’uso e l’accelerazione dei lavori dei lavori per la conclusione dell’opera al fine di consentire ai ragazzi di iniziare il nuovo anno nel nuovo edificio scolastico”.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram