28/10/2020

S1Tv

La TV dei grandi eventi

Girifalco, il sindaco: “Non ho i numeri ma, in questo momento, non lascio la mia comunità senza una guida”

In riferimento alla nota del consigliere dei Cittadini Liberi e Attivi, Luigi Antonio Stranieri, è doveroso da parte mia fare alcune riflessioni.
Non è mia intenzione negare l’evidenza. I numeri della maggioranza sono cambiati e non sono sufficienti a garantire la tenuta della stessa viste le recenti scelte da parte di alcuni consiglieri di maggioranza di lasciare la coalizione. Sono, perfettamente, consapevole che la seduta del Consiglio Comunale, in programma per l’approvazione del bilancio di previsione 2020, non sarà un percorso in discesa. Ciascun consigliere, in quella circostanza, concretizzerà la propria “nuova” posizione politica votando favorevole e/o contrario al documento programmatorio. Alla suddetta consapevolezza si aggiunge, altresì, la convinzione del fatto che abbandonare in questo difficile momento la guida della nostra comunità significherebbe – come dice il consigliere Stranieri – fare una magra figura. Certamente, se non ci fossimo trovati, in una situazione di emergenza sanitaria, sociale ed economica, dignità ed etica umana mi avrebbero indotto – senza sollecitazione alcuna – a dimettermi non avendo più una palese maggioranza. Chi mi è stato accanto, in questi cinque anni, sa, perfettamente, che non soffro della sindrome di “attaccamento alla poltrona” o della fascia al petto. Ho sempre puntato alla sostanza più che all’apparire.
Il consigliere Stranieri parla di bilancio fallimentare; evidentemente non è a conoscenza del lavoro portato avanti in questi cinque anni in ogni settore (lavori pubblici, sicurezza, scuola, politiche sociali, cultura etc). Del resto basta, solo, pensare ai provvedimenti adottati nell’ultima seduta di giunta in data 24 aprile (approvazione progetto esecutivo videosorveglianza; approvazione progetto esecutivo di messa in sicurezza e viabilità Fosso Grastello – Contrada Pacello; approvazione progetto esecutivo circonvallazione via XXV Aprile; e, ancor prima, lunedì 20 aprile gli emendamenti a sostegno delle attività commerciali a seguito della crisi legata al Covid-19).
Se, invece, il ragionamento del consigliere si riferisce agli equilibri politici, duole constatare come la frenesia pre – elettorale, rischi di prendere il sopravvento sull’emergenza socio-economico, oltre che sanitaria, del paese.
Nessuno poteva immaginare che ci saremmo ritrovati a dover fronteggiare una simile emergenza. In cinque anni di consiliatura non sono mancati i momenti difficili. Questo è stato, sicuramente, il più complicato. Perché da sindaco, quale autorità sanitaria locale, ho sentito e sento il peso di una situazione molto delicata. Sono stati giorni, estremamente, travagliati. Non ho potuto prendere in considerazione l’ipotesi di fermarmi. Eppure sono un padre, un marito, un figlio. Non l’ho potuto fare e non lo posso fare ancora. Devo pensare alla mia famiglia. Ma devo pensare, prima di ogni altra cosa, alla mia comunità.
Nessuno mi ha imposto di fare il sindaco. Ho scelto di fare il sindaco. E, voi girifalcesi, me lo avete permesso. Questo richiede degli obblighi. Ed io intendo portarli avanti. Con serietà, impegno, attenzione.
Il Governo ha stabilito che, a seguito di questa paralisi del Paese, le elezioni comunali debbano essere rinviate. Il Governo ci chiama, quindi, a governare fino all’autunno.
Una situazione insolita che va affrontata. E che, insieme alla mia “squadra” anche solo per poco tempo, intendo affrontare con tenacia e dedizione. Ciò sarà reso possibile? Questo non dipende da me né dai componenti della maggioranza. Dipende dalla politica. Che mi auguro – dai rumors, purtroppo non sembra così – risponda, sempre, al precetto della politica intesa come servizio.
I prossimi mesi saranno importanti. C’è una comunità da rimettere in moto. Le attività commerciali e imprenditoriali dovranno affrontare la fase della ripresa. Avranno bisogno di aiuto. Il Comune e, quindi, una squadra di governo dovrà prendere decisioni importanti che, certamente, non corrispondono – per ovvie ragioni – all’ordinarietà di un commissario prefettizio.
Ecco l’auspicio (non personale, ma per il bene della comunità) è che le cose poc’anzi indicate non siano, per qualcuno, motivo di “vendetta” politica bensì di riflessione sociale. Far cadere eventualmente un’amministrazione comunale (come paventato, tra le righe, dal consigliere Stranieri che, evidentemente, ha voluto smarcarsi, per tempo, da altre posizioni politiche manifestando pubblicamente il proprio intendimento), in un periodo così drammatico sarebbe da IRRESPONSABILI. Lo avrei detto, anche, se non fossi stato io il sindaco. Lo dico da cittadino. Usciti dal tunnel del coronavirus (ci auguriamo presto) dovremmo tutti rimboccarci le maniche. Bisognerà capire, studiare e trovare il modo – come già si sta facendo – per aiutare le realtà sociali ed economiche che verranno fuori, da quest’emergenza, fragili, indebolite. Sarà necessario fare scelte importanti. Coraggiose. Sacrificare le cose straordinarie per quelle prioritarie. Anteporre qualsiasi azione all’emergenza che, purtroppo, lascerà strascichi socio-economici anche nel nostro territorio.
Sia chiaro ciascuno è libero di comportarsi come meglio ritiene ed in base alla propria formazione politica ed umana. Il mio è un auspicio. Da cittadino. Spetterà ai cittadini, sempre e comunque, giudicare le nostre azioni. Qualunque esse siano. Io sarò al servizio della mia comunità con o senza fascia.

tratto dal profilo Facebook Pietrantonio Cristofaro

 

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
LinkedIn
Share
Instagram