Forza due posti di blocco e tenta di investire carabiniere, 27enne arrestato nel catanzarese

Ha forzato due posti di controllo e tentato di investire anche un carabiniere. Domenica travagliata, quella del 22 settembre, per i carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli che hanno arrestato un giovane, già noto alle Forze di Polizia. Erano le 8:30 circa quando è stata allertata la Centrale Operativa in merito ad un furto di un’auto. I militari hanno appreso che la persona, già conosciuta, di Soveria Mannelli, era stata notata a bordo del veicolo segnalato, percorrere la SP 165/1. I Carabinieri dell’aliquota radiomobile hanno predisposto così un mirato posto di controllo all’altezza del bivio Cicala, limitrofo al comune di San Pietro Apostolo, quando hanno visto provenire da Catanzaro, a forte velocità, l’utilitaria condotta da A.P.. Il giovane, inoltre, non si è fermato all’alt e, forzando il posto di controllo, avrebbe tentato di investire il militare selettore che, per evitare il peggio ha indietreggiato finendo su un altro veicolo. Il malvivente si è poi dato alla fuga. Ne è nato un inseguimento di circa 15 Km in direzione Cicala – Carlopoli, dove, in via Bellavista è stata predisposta una seconda pattuglia da parte della Stazione di Carlopoli.
Il ragazzo, noncurante dell’ulteriore alt, si dava ancora una volta alla fuga percorrendo le vie cittadine a tutto gas fino a imboccare una bretella in senso opposto di marcia in direzione della Frazione di Castagna, percorrendo quest’ultima per ulteriori 2 Km. La folle corsa è terminata in una zona rurale, dietro un vecchio casolare, dove il giovane è stato bloccato, in evidente stato di alterazione psicofisica. Un militare, inoltre, ha riportato lievi contusioni. A seguito di approfonditi accertamenti, i carabinieri hanno appurato che il veicolo era stato asportato la stessa mattina e che il conducente non solo era senza patente di guida poiché sospesa, ma guidava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Il 27enne dunque è stato arrestato nella flagranza dei reati di resistenza a pubblico ufficiale, furto aggravato, lesioni personali e guida senza patente e sotto effetto di sostante stupefacenti e trattenuto presso la camera di sicurezza del Comando Compagnia di Soveria Mannelli a disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Lamezia Terme. Al giovane sono state contestate diverse violazioni amministrative al codice della strada mentre il veicolo è stato restituito al legittimo proprietario. Ieri è stato celebrato il giudizio direttissimo davanti al Tribunale di Lamezia che ha convalidato l’arresto e applicato al giovane la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram