Consiglio regionale approva legge su azienda unica, comprenderà anche ospedale Lamezia

Reggio Calabria – Il Consiglio regionale ha approvato, all’unanimità, la proposta di legge sull’integrazione dell’azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” e del Policlinico universitario “Mater Domini” di Catanzaro. Il testo, che di fatto da’ vita a un’azienda ospedaliera unica di Catanzaro, è il frutto dell’unificazione di due proposte: la prima, diventata il testo base, presentata da consiglieri regionali sia di maggioranza sia di opposizione, in particolare da Michele Mirabello (presidente della terza Commissione), Enzo Ciconte, Baldo Esposito, Claudio Parente, Antonio Scalzo e Domenico Tallini, e il secondo dal consigliere regionale Arturo Bova. Il tema dell’integrazione tra il “Pugliese Ciaccio” e il “Mater Domini” di Catanzaro e’ al centro dell’agenda politica degli ultimi 15 anni in Calabria. Nella legge, in particolare, si dispone che l’azienda ospedaliera “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro è integrata con l’azienda ospedaliero universitaria “Mater Domini”, che assume la denominazione di azienda ospedaliero-universitaria “Mater Domini-Pugliese Ciaccio”: nella fase di avvio della nuova azienda – è scritto ancora nel testo – “la definizione delle attività tiene conto delle vocazioni assistenziali di emergenza del ‘Pugliese-Ciaccio’ e di elezione, didattica e ricerca della ‘Mater Domini'”, e si prevede inoltre di inserire nel progetto di integrazione anche il presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme. Entro 90 giorni dalla approvazione della legge – riporta ancora l’articolato – Regione e Università sono chiamati a siglare un protocollo d’intesa per regolare i loro rapporti e per concretizzare l’integrazione. A relazionare in aula la proposta sull’integrazione tra gli ospedali di Catanzaro, è stato Mirabello, secondo il quale “è stato prodotto un testo di legge bipartisan, e questo e’ un dato importante perché’ denota il senso di responsabilità della maggioranza e del presidente Oliverio per aver deciso di adottare un metodo anche in controtendenza e non andare avanti a colpi di maggioranza, ma di aver coinvolto il Consiglio regionale e la struttura commissariale. Con questa integrazione – ha aggiunto Mirabello – creiamo un vero e proprio polo sanitario e facciamo un primo passo per la complessiva riorganizzazione della sanità calabrese”. Claudio Parente, capogruppo di Forza Italia, ha evidenziato che “su questo progetto ci sono stati troppe resistenze e troppi ritardi, anche della politica, che oggi però si riscatta. Va poi riconosciuta la tenacia del sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, nel riprendere questa proposta di legge”. A parere di Antonio Scalzo, dei Moderati, “oggi si chiude un lavoro non facile ma fatto con grande passione e impegni: ci siamo assunti la responsabilità di una scelta che a nostro avviso può rilanciare il sistema ospedaliero in Calabria e puo’ rappresentare un modello organizzativo innovativo”.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.soveratounotv.net/2019/03/12/consiglio-regionale-approva-legge-su-azienda-unica-comprendera-anche-ospedale-lamezia/
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram
S1 TV