A Borgia si festeggia l’Unità nazionale, il sindaco Elisabeth Sacco: Non dimenticare per far sì che tutto ciò non possa più verificarsi

BORGIA – “Festeggiamo l’Unità nazionale con una preghiera che possa partire da Borgia in questo momento così difficile anche per noi, una preghiera che invita ad evitare le divisioni e le lotte intestine e che sia preludio di unione e di senso di comunità”. E’ quanto afferma il sindaco di Borgia Elisabeth Sacco che questa mattina, assieme alla Giunta e la rappresentanza dell’amministrazione comunale ha partecipato alla commemorazione per i Caduti della Prima Guerra mondiale in occasione del centenario, e festeggiare l’Unità nazionale. “Il centenario della fine della grande guerra per l’Italia. Una guerra definita di trincea che ha coinvolto 65 milioni di giovani militari di tutto il mondo e ne ha visti perire quasi 10 milioni, compresi i nostri caduti che onoriamo in questo luogo. A loro si aggiungono i quasi 7 milioni di civili che hanno perso la vita in quegli anni in cui la disumanità ha avuto la meglio – afferma il sindaco Sacco -. Oggi insieme a loro onoriamo tutte le forze armate che hanno speso la loro vita per difendere la patria e la libertà”. “Al termine della guerra una frase risuonava in tutto il mondo, #MaiPiùGuerra… era un grido forte ma che dopo appena un ventennio aveva smesso di echeggiare facendo ripiombare l’Italia ed il mondo intero in una nuova sanguinosa guerra – conclude il sindaco Sacco -. Allora ecco il senso del ricordo e della commemorazione odierna. Non dimenticare per far sì che tutto ciò non possa più verificarsi. Anche i nostri padri e le nostre madri costituenti lo hanno scritto nella Costituzione. l’Italia ripudia la guerra ed allora celebriamo le forze dell’ordine come uomini e donne che da sempre si distinguono nella difesa della pace e della democrazia”.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.soveratounotv.net/2018/11/05/borgia-si-festeggia-lunita-nazionale-sindaco-elisabeth-sacco-non-dimenticare-far-si-cio-non-possa-piu-verificarsi/
SHARE
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram