Luigi Sbarra eletto Segretario Generale Aggiunto della Cisl Nazionale

“Una nomina importante, un legittimo riconoscimento che va a premiare un percorso fatto di impegno, serietà e dedizione. Luigi Sbarra, da poco eletto segretario generale aggiunto della Cisl, è al posto giusto nel momento giusto. Perché siamo certi che il suo operato, ora più che mai, avrà ricadute positive sull’intero territorio”. Lo afferma in una nota Francesco Mingrone, segretario generale Ust Cisl Magna Graecia. “Ribadire il percorso e i successi sindacali ai vertici della Cisl appare superfluo. Ma è oggi necessario, perché – ha aggiunto Mingrone – è utile sottolineare cosa significa per la Cisl e per l’intero territorio questa nomina. La sua formazione sindacale avviene nel 1984 a Taranto, nel Centro Studi Cisl. L’anno successivo viene eletto segretario generale della Fisba Cisl di Locri, la Federazione dei braccianti agricoli del sindacato di via Po’. Dal 1988 al 1993 guida la Cisl della stessa cittadina per poi diventare segretario generale di Reggio Calabria, dove rimane fino al 2000. In quell’anno viene eletto al vertice della Cisl Regionale, ruolo che ricopre per nove anni, fino al trasferimento a Roma come segretario nazionale dove ha seguito il settore delle Politiche contrattuali dell’industria, artigianato, ambiente e sicurezza, Mercato del Lavoro e Mezzogiorno, nel 2006 viene chiamato a guidare la Fai Cisl dove tutt’oggi è Segretario Generale. “L’indicazione di Luigi Sbarra quale segretario aggiunto – ha, quindi, concluso il segretario generale della Ust Magna Graecia, Francesco Mingrone – rappresenta un importante traguardo per l’intera CISL. Siamo tutti convinti che Sbarra saprà assolvere a questo nuovo e prestigioso incarico con grinta e determinazione. Caratteristiche fondamentali per risolvere i problemi e le sfide economiche del nostro Paese”.

Condividi questa notizia su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.soveratounotv.net/2018/03/28/luigi-sbarra-eletto-segretario-generale-aggiunto-della-cisl-nazionale/
SHARE
YouTube
YouTube
LinkedIn
Instagram