Trasversale delle Serre, il Comitato pubblica online mappe e documenti

“Come promesso, rendiamo liberamente fruibile una prima serie di documenti sulla Trasversale delle Serre. Tutti devono sapere”. Con questo annuncio postato su Facebook il Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” ha iniziato a pubblicare mappe e atti relativi alla incompiuta superstrada Jonio-Tirreno. Un carteggio consistente che il sodalizio ha ottenuto nei giorni scorsi, dopo un lungo braccio di ferro, durato più di nove mesi, con Anas. In questa prima tranche, viene fornita: la “corografia generale” del tracciato; il Tronco 1°- Lotto 1°- Stralcio 2° “Superamento Scornari”; il Tronco 2° “Vazzano – Vallelonga A”; il Tronco 2° “Vazzano – Vallelonga B”; il Tronco 5° – Lotto 4° A; il Tronco 5°- Lotto 4° B; il Tronco 5° – Lotto 5°. “Si tratta di una panoramica sullo stato attuale della Trasversale – spiega una nota – che evidenzia le molte criticità tuttora irrisolte della superstrada. La pubblicazione consentirà a tutti i cittadini di acquisire informazioni utili, nell’ottica di quegli auspicati principi di partecipazione e trasparenza che dovrebbero essere dei diritti acquisiti e che, invece, molto spesso richiedono azioni eclatanti e forti di impegno civile”. “Su queste basi – argomenta il Comitato – imposteremo anche la nostra campagna elettorale in vista del voto del 4 marzo. Ci confronteremo con tutti i candidati in lizza nel collegio di riferimento che abbraccia tutta la provincia di Vibo Valentia, le Preserre catanzaresi e il Soveratese. Chiederemo a tutti fatti concreti e non le solite promesse. Il primo impegno che andremo a sollecitare sarà, infatti, la firma della nostra petizione popolare per il commissariamento del Compartimento Anas della Calabria, evidentemente responsabile delle condizioni pessime delle nostre infrastrutture viarie regionali, inclusa la cinquantennale incompiuta Trasversale delle Serre. Solo partendo da questo punto preliminare, di estrema chiarezza, valuteremo come credibile l’azione del politico di turno che si siederà al nostro tavolo per discutere di sviluppo delle aree interne”.