Mafia: Cdm scioglie 5 Comuni Calabria, anche Lamezia

CATANZARO – Il Comune di Lamezia Terme é stato sciolto dal Consiglio dei ministri per infiltrazioni mafiose. Analoghi provvedimenti, con la stessa motivazione, sono stati adottati dall’esecutivo per altri quattro Comuni calabresi: Cassano allo Jonio, Isola Capo Rizzuto, Marina di Gioiosa Jonica e Petronà. Lamezia Terme, con i suoi oltre 70 mila abitanti, é la terza città della Calabria per popolazione dopo Reggio Calabria e Catanzaro.
Per il Comune di Lamezia quello di oggi é il terzo scioglimento per infiltrazioni mafiose nella sua storia. Gli altri erano avvenuti nel 1991 e nel 2003